MARIO CONTE pittore, giornalista gheusologo, inizia sin da giovanissimo, negli anni 50, ad interessarsi e ad agire nell’ambito delle arti visive. Negli anni 70, operando con i primi elaboratori, ne avverte ed anticipa in lavori concettuali, le future ricadute etiche.

 

Attualmente sviluppa nei suoi lavori poetiche epistemiche ben oltre ormai tardive elucubrazioni alchemiche e l’imperante antropocentrismo, esplorando pittoricamente paesaggi cosmici che l’umanità, fin dalle origini, non aveva mai avuto, sinora, occasione di vedere.

 

Nel 2018, una mostra antologica ha riassunto le numerose mostre personali e collettive fino allora avvenute.

 

ELSEWHERE
Far far away
smalti su tavola
cm.100X70

2020

ELSEWHERE

Red shift
smalti su tavola
cm. 100X70
2020

Paesaggio cosmico ORIONE dal sumero"URU-AN-NA"

la luce del cielo
smalti su tavola

cm.100X70
2020